Ecco la riforma delle Province. Promette risparmi per 1 miliardo

Data: 2014-03-27 17:36:24

L'ARCHITETTURA

Il ddl Delrio ridisegna i connotati del sistema Province. Facendole diventare a tutti gli effetti enti di secondo livello imperniati su tre organi:

- il presidente, che sarà il sindaco del comune capoluogo;

- l'assemblea dei sindaci, che raggrupperà tutti i primi cittadini del circondario;

- il consiglio provinciale, che sarà formato da 10 a 16 membri (a seconda della popolazione) scelti tra i sindaci e i consiglieri comunali del territorio. Oppure tra i membri uscenti degli enti in scadenza quest'anno a cui il provvedimento ha lanciato una curiosa "ciambella di salvataggio". Per nessuno di questi organi è previsto un compenso. Al tempo stesso cambiano le funzioni provinciali. Su trasporti, ambiente e mobilità avranno la semplice pianificazione, mentre manterranno la gestione dell'edilizia scolastica e cominceranno a occuparsi anche di pari opportunità. Tutte le altre passeranno ai Comuni a meno che le regioni non preferiscano tenerli per sé. E lo stesso percorso seguiranno il personale e il patrimonio.

 

LA TEMPISTICA

 

Le città metropolitane/1: Struttura

A partire dal 2015 saranno 10 le Città metropolitane che sostituiranno altrettante amministrazioni provinciali. Si tratta di Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Roma (con poteri diversi), Napoli e Reggio Calabria (che partirà però nel 2016).

Anche nel loro caso gli organi saranno tre:

- il sindaco metropolitano, che sarà quello del Comune capoluogo a meno che lo statuto non preveda l'elezione diretta;

- il consiglio metropolitano, che sarà formato da 14 a 24 membri (a seconda della popolazione) scelti tra i sindaci e i consiglieri comunali del territorio;

- la conferenza metropolitana, che raggrupperà tutti i primi cittadini del circondario.

 

Le città metropolitane/2: Poteri

A differenza delle Province le Città metropolitane avranno compiti di primo piano. Si occuperanno infatti della pianificazione territoriale generale, comprese le strutture di comunicazione, le reti di servizi e delle infrastrutture, dell'organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito metropolitano, della viabilità e mobilità e dello sviluppo economico.

 

I RISPARMI/1: 3000 DIPENDENTI IN MENO

 

l conto della politica registra il tramonto di 2.159 poltrone provinciali quest'anno, e di altre 751 nel 2015 e 2016. Non per nulla Matteo Renzi si è concentrato, nel suo tweet serale a commento del voto in Senato, sulle "3000 persone smetteranno di avere l'indennità della politica e riprenderanno a provare l'ebbrezza del proprio lavoro".

 

I RISPARMI/2: 500 MILIONI SUBITO

Il conto complessivo dei risparmi a breve segna 111 milioni in meno per indennità e gettoni, e 318,7 milioni per il fatto che non si tornerà alle urne in primavera nei 52 enti in scadenza: con l'ultima versione del maxi-emendamento votato ieri, il conto può salire ancora perché impone la gratuità alle giunte e ai consigli provinciali che sopravvivono e ai commissari e sub commissari chiamati a gestire gli enti dove gli 'eletti' hanno già ceduto il passo. Si arriva, insomma, vicini a 500 milioni di euro. Contro il miliardo cui punta il governo.

 

I RISPARMI/3: I DUBBI

 

Ma non c'è solo l'ambizioso obiettivo di risparmiare 1 miliardo effettivo a regime (col conto complessivo per ora fermo a 500 milioni) a creare dubbi. Per la commissione Bilancio del Senato il provvedimento potrebbe addirittura produrre nuovi costi. Nelle sette osservazioni al ddl presentate la commissione ha sottolineato che "non può escludersi la duplicazione di costi e funzioni" dalla norma che "consente l'elezione diretta del sindaco e del Consiglio delle Città metropolitane". Evidenziando poi il rischio che il trasferimento di personale e funzioni delle Province ad altri enti territoriali (i Comuni) possa "comportare costi, sia in termini economici che organizzativi, allo stato difficilmente quantificabili". Rilievi che il Governo ha recepito nel testo del maxiemendamento su cui è stata posta la fiducia, introducendo formule di rito sul rispetto dei vincoli di finanza pubblica.

 

Pubblicato il 27/03/14 in Economia

 

http://www.quifinanza.it/8493/foto/ecco-riforma-delle-province-promette-risparmi-per-1-miliardo.html?refresh_ce#7